Victoria & Albert Museum

victoria and albert Londra 1Situato a Kensington and Chelsea, il Victoria and Albert Museum (abbreviato come V&A e nominato in seguito ai due omonimi regnanti) è il più grande museo del mondo di arti figurative e design. Oltre 4,5 milioni di oggetti sono esposti permanentemente, disposti su 145 gallerie per un'estensione di 51.000 metri quadri. 5000 anni di arte, dai tempi più antichi ai giorni d'oggi, raccontano la storia dell'umanità attraverso ceramiche, vetri, tessuti e costumi, ma anche dipinti, stampe, fotografie, sculture e quant'altro.

Aperto al pubblico nel 1852 e chiamato inizialmente "The Museum of Manufactures", ebbe inizialmente lo scopo di collezionare arti applicate e prodotti della scienza così da assolvere una funzione educativa e promuovere la produttività industriale, in opposizione alle "arti elevate" della National Gallery e del British Museum. Nel 1973 fu il primo museo in Inghilterra ad ospitare un concerto Rock per attrarre le fasce più giovani di pubblico, ospitando una performance dei Gryphon. Nel 2001 è iniziata un'opera di ristrutturazione a lungo termine, per rendere il museo più moderno, della durata di circa 10 anni.

Il museo divide la sua collezione in vari dipartimenti. Vista l'immensa mole di cimeli presenti nei suoi magazzini, non tutti sono costantemente esposti. I dipartimenti sono i seguenti:

Architettura: Aperta permanentemente dal 2004, copre la storia dell'architettura attraverso l'esposizione di modelli, fotografie, elementi architettonici e progetti originali. Il museo possiede oltre 600.000 progetti, 750.000 carte e oltre 700.000 fotografie da tutto il mondo, in quella che è la più completa collezione di questo tipo del mondo. Oltre agli architetti inglesi, viene dato particolare risalto a quelli italiani come Andrea Palladio (costruttore di Palazzo Chiericati a Vicenza e di altri siti protetti dall'UNESCO) o Antonio Visentini (famoso per le sue vedute del Canaletto di Venezia).

Asia: Gli oltre 160.000 oggetti della collezione compongono una delle più complete risorse al mondo del suo genere. Sono presenti oggetti dal periodo Islamico (settimo secolo) agli inizidel ventesimo secolo, provenienti da tutto l'oriente. La galleria è riccamente decorata con un'estensiva collezione di sculture Hindu, Buddiste e Giainiste; ritratti imperiali dell'impero Mughal, porcellane della dinastia Ming e Qing, manufatti artistici dalla Tailandia, dal Burma, dalla Cambodia, dall'Indonesia e dal tutto mondo asiatico, formano un vero punto di riferimento per appassionati e studiosi del genere.

Galleria "British": 4.000 oggetti disposti in 15 gallerie ruotano intorno a 3 principali temi coprendo il periodo tra il 1500 e il 1900: "Stile", "Chi Conduce il Gusto" e "Cos'è Nuovo". Nonostante il nome del dipartimenti sono esposte anche opere di artisti Europei acquistate o commissionate da magnati Britannici o importate dall'Asia. Sono presenti, tra gli altri , lavori di Bernini, Gibbons, Marot e Canova, e la mostra evidenzia come lo stile sia cambiato, nei secoli, attraverso l'influenza della Chiesa Cattolica e della Monarchia Britannica.

Sculture da Esterno: Una delle collezoni più impressionanti di tutto il museo, espone centinaia di sculture, fregi e tombe dagli esterni delle corti più importanti del mondo. Sono presenti una perfetta replica delle Colonne di Traiano e riproduzioni di altri lavori Rinascimentali, come copie dei David di Michelangelo e Donatello.

Ceramiche: Con oltre 75.000 pezzi provenienti daogni continente abitato, è la collezione di ceramiche più grande del pianeta. Fiore all'occhiello sono le porcellane Meissen (le prime prodotte in Europa con il metodo cinese), porcellane Chelsea e Worcester, Maioliche italiane e Lustri Spagnoli. La galleria è stata ristrutturata dal 2005 e ha riaperto al pubblico in due fasi nel 2009 e nel 2010.victoria and albert Londra 3

Moda: la collezione espone prevalentemente abiti da cerimonia, poichè gli abiti più antichi di uso comune dal 1600 al presente si sono, con il tempo, distrutti. La maggior parte dell'assortimento è formato da vestigia medievali e abiti matrimoniali appartenuti ai reali, così come elementi di alta moda del ventesimo secolo indossati da Audrey Hepburn e Ruth Ford. Nel 2002 sono stati acquistati oltre 178 capi della collezione Costiff di costumi della Vivienne Westwood, e la collezione include altri marchi prestigiosi come Dior, Chanel, Cardin e Yves Saint Laurent, solo per citarne alcuni.

Gioielleria: è una collezione di 6000 oggetti che spazia molto nel tempo e nei generi. Sono infatti presenti cimeli dell'Antico Egitto così come Cartier, Fabergé, bracciali e ornamenti appartenenti a nobili e regnanti come Maria Antonietta e Napoleone, così come gioielli tradizionali della cultura Africana e Asiatica.

Mobili e Arredamento: la collezione comprende oltre 14.000 pezzi e copre prodotti Inglesi, Europei e dalle Americhe come stanze, strumenti musicali e orologi, assieme ad altri elementi di arredamento. Due stanze complete illustrano l'arredamento nobile del diciottesimo secolo Europeo e uno dei pezzi più importanti di questa collezione è un comodino intagliato dall'ebanista Jean-Henri Riesener datato 1780. Altri pezzi importanti della collezione sono uno scrittoio di Oeben (un celebre creatore di mobili del '700), un paio di piedistalli con intagli d'ottone di Boulle, un comodino di Vanrisambur e un tavolo di lavoro di Martin Carlin. Sono inoltre di notabile importanza per le collezioni uno Stradivari del 1699, un orologio astronomico del 1588 e diverse porte intagliate databili dal 1500 al 1900. Un viaggio sicuramente formidabile nel lusso di altri tempi.

Vetri: Sono presenti oltre 4000 anni di lavorazione del vetro, con pezzi provenienti da tutto il mondo civilizzato. Figurano cimeli unici provenienti dall'antico Egitto, dall'Antica Roma, dal Medioevo e dal Rinascimento, coprendo aree come i vetri Venezioni e i cristalli di Bohemia, così come lavorazioni più recenti che includono prodotti dell'Art Nouveau di Tiffany e Gallé o dell'Art Deco, rappresentata da lavori di Lalique. Completano la collezione un assortimento di vetrate tra i più prestigiosi al mondo, diversi esempi di vetrate Araldiche del sedicesimo secolo e altri lavori di prestigiosi designer del diciottesimo secolo come Rossetti, Burne-Jones e Morris.

Oggetti Metallici: La galleria originaria, ristrutturata nel 1995, ospita oltre 45.000 lavori nei più disparati metalli, esponendo bellissimi contenitori metallici e oggetti della religione Cristiana ed Ebraica. La galleria principale copre lavori di ferro battuto e modellato dal medioevo all'inizio del ventesimo secolo, e la maggior parte dei lavori in rame e ferro sono finemente decorati con una vasta gamma di colori.

Pitture e Disegni: Ritratti religiosi e di reali, prodotti da grandi artisti del calibro di Turner, Delacroix, Botticelli e Rousseau decorano queste gallerie in una squisita unione di forme e colori. La galleria espone alcune magnifiche opere come l'auto ritratto di Tintoretto, il San Paolo di Raffaello, il ritratto di una donna di Botticelli e altre opere dall'impeccabile gusto artistico, che si lasciano osservare in una squisita unione di forme e colori che ci riportano indietro ai tempi d'oro dell'arte e del buon gusto cortese e religioso.

Periodi e Stili: Queste gallerie coprono diversi periodi stilistici del design occidentale, racchiuse per aree tematiche. Possiamo così trovare lavori esplicativi dal Medioevo, dal Rinacimento, dello stile Barocco e Rococo piuttosto che del Neoclassico e Liberty.

Fotografia: La colezione contiene oltre 500.000 immagini databili dall'avvento della fotografia, con il reperto più antico databile dal 1839, e già dal 1859 (anno di apertura della mostra) fu considerata una delle raccolte più rappresentative del mondo. Sono inclusi lavori di alcuni dei più importanti fotografi della storia, come Talbot, Turner, Hollyer e Bourne. Una delle collezioni più inusuali è quella di Muybridge del 1887, che rappresenta uno studio sui movimenti di animali ed esseri umani in serie di fotogrammi. Sono inoltre di notabile importanza le immagini della vita di strada di Thomson e i ritratti della società di Lafayette.

Stampe e Libri: La biblioteca, con i suoi oltre 750.000 libri, è una delle librerie più vaste al mondo sullo studio delle arti decorative. Tra i più grandi tesori della collezione troviamo il Codice Forster (una raccolta di bozze per le sculture equestri commissionate dal Duca di Milano Ludovico Sforza) e alcuni quaderni di appunti di Leonardo Da Vinci. Sono inoltre presenti alcuni testi originali di Dickens e Beatrix Potter, manoscritti datati dal dodicesimo al sedicesimo secolo e lavori di Rembrandt, Matisse, Hogarth e altri importanti artisti.

victoria and albert Londra 2Sculture: la collezione del V&A è la più estesa al mondo di sculture post-classiche, coprendo praticamente tutta la storia dell'occidente, dal 400 AC al 1914. Meravigliosi lavori dell'arte Bizantina e Anglo Sassone si accompagnano così a prodotti dell'arte Britannica, Francese e Spagnola, passando per i periodi del Rinascimento, del Barocco, del Neo-Classico, del Vittoriano e dell'Art Neuveau. Degli scultori italiani presenti, spiccano nomi come Canova, Pisano, Verrocchio, Michelangelo e tantissimi altri.

Tessuti: La collezione di tessuti consiste in oltre 38.000 esempi, principalmente di natura occidentale sebbene tutti i continenti siano rappresentati, datati dal primo secolo AC al presente. Le tecniche rappresentate sono: tessitura, stampa, ricamo su trapunte, pizzi, arazzi e tappeti. Alcuni dei lavori più pregiati comprendono tappezzerie dei laboratori Gobelins (una manifattura tessile Parigina famosa per i suoi lavori nella corte di Luigi XIV), tra i quali "Jason e gli Argonauti" datata 1750. La collezione ha numerosi esempi di vari tipi di tessuti disegnati dai più importanti artisti degli ultimi secoli, offrendo un ottimo spaccato degli arredi nelle corti Europee.

Teatro e Performance: Il V&A ospita una collezione relativa alle rappresentazioni teatrali, aperta nel 2009, la quale espone materiali relativi performance nel Regno Unito dai giorni di Shakespeare che copre Drama, danza, musical, circo, rock, pop e altre forme di intrattenimento musicale e teatrale. I materiali conservati includono costumi, oggetti di scena, poster e altro.

La V&A ospita alcune delle più impressionanti esibizioni di arte a Londra, in parte anche grazie alle larghe gallerie dedicate alle esibizioni temporanee. Nell'arco di un anno, almeno una dozzina di esibizioni differenti vengono esposte, coprendo tutte le aree della collezione e rendendo il museo una delle tappe obbligate per appassionati e studiosi di cultura da tutto il mondo e di tutte le età.

L'entrata e gratuita, sebbene per alcune esibizioni potrebbe essere necessario pagare un prezzo d'entrata. Gli orari di visita sono i seguenti:

Dalle 10.00 alle 17.45 tutti i giorni

Dalle 10.00 alle 22.00 il Venerdì (alcune gallerie restano aperte però fino alle 18:00)

La chiusura inizia 10 minuti prima del tempo stabilito. Per maggiori informazioni consultate il sito:http://www.vam.ac.uk/